Bufera sul Parco Archeologico Naxos

Schermata 2018-07-17 a 12.38.41 AM

Intitola così il pezzo di SUDPRESS: Bufera sul Parco Archeologico Naxos per un contributo “last minute” di 30 mila euro ad un’associazione privata. Non si capisce più niente su quanto sta accadendo nella gestione del Teatro Antico di Taormina che ricade sotto la responsabilità dell’ente regionale Parco Archeologico di Naxos: dopo il caso della vendita di biglietti (ancora in corso) per eventi che non risultano nel cartellone approvato dall’autorità di gestione, adesso spunta un contributo di 30 mila euro che il direttore del Parco arch. Vera Greco, ha concesso all’associazione Agnus Dei di Tiziana Rocca, già conosciuta per le recenti vicessitudini vissute dal Taormina Film Fest per certi aspetti ancora in attesa di chiarimenti. Poter realizzare eventi nello straordinario scenario del Teatro Antico di Taormina è, ovviamente, particolarmente appetito da chi opera nel mondo delllo spettacolo.
RIPORTIAMO INTEGRALMENTE L'ARTICOLO DI SUDPRESS, FIRMATO DA PIERLUIGI DI ROSA
Fonte:http://www.sudpress.it/bufera-sul-parco-archeologico-naxos-un-contributo-last-minute-30-mila-euro-ad-unassociazione-privata/

Ogni anno è una guerra per la concessione di date e spazi, ancor di più considerata la scientifica incapacità di non riuscire a programmare per tempo i relativi cartelloni, cosa che fa maliziosamente pensare che tutto sia preordinato a mantenere un “controllo politico clientelare” di questi siti strategici, giungendo sempre a concessioni all’ultimo minuto che prevedono interminabili attività di ossequio da parte degli aspiranti presso le segreterie di assessori pro tempore e funzionari di turno.
Ma questa è un’altra storia, ci torneremo presto.
Il caso in questione è molto più semplice.
C’è una associazione, guidata dalla produttrice romana Tiziana Rocca che, già nota alle cronache taorminesi, chiede e ottiene di poter realizzare un premio denominato “Nations Award – Premio delle Nazioni”, da svolgersi nella sua serata conclusiva del 13 luglio proprio al Teatro Antico di Taormina.
Francamente
si fatica a trovare in rete persino la locandina di questo evento, anzi non l’abbiamo proprio trovata.
Evidentemente, rientrando nelle logiche, (non chiarissime per la verità), della Commissione di valutazione dei progetti artistici per il Teatro Antico di Taormina,  la richiesta venne accolta.
Ecco però che, mentre tutte le altre imprese ed organizzazioni che hanno ottenuto lo spazio hanno dovuto sopportare in proprio tutti i costi per la realizzazione dei propri eventi in cartellone, nel caso evidentemente “specialissimo” di Tiziana Rocca la sua associazione ottiene sostanziosi contributi pubblici.
La manifestazione è prevista per il giorno 13 luglio e
due giorni prima, l’11, con la sua determinazione n. 83  il direttore dell’ente pubblico Parco Archeologico di Naxos Vera Greco, senza alcun avviso preventivo o selezione, decide di impegnare la bellezza niente meno di 30 mila euro (TRENTAMILA) assumendo sul bilancio del Parco una serie di costi di pertinenza degli organizzatori.
L’architetto Greco, nel suo atto, fa riferimento a
due date molto significative.
Cita, a sostegno della sua deliberazione da 30 mila euro, una
richiesta che l’associazione Agnus Dei ha protocollato presso l’assessorato Beni Culturali del governo Musumeci retto dall’archeologo Sebastiano Tusa soltanto in data 9 luglio 2018.
Lo stesso giorno, quindi da immaginare la qualità dell’istruttoria svolta dall’assessorato in questione, l’assessore ai Beni Culturali avrebbe emesso un atto d’indirizzo n. 3832/GAB, con cui ha chiesto al Parco di “verificare finanziariamente la possibilità di accoglimento dell’istanza dell’associazione Agnus Dei utilizzando le risorse del bilancio del Parco come patrocinio della Regione Siciliana.”
E due giorni dopo, in una regione in cui non trovano i soldi per i servizi più essenziali e le imprese aspettano anni prima di vedersi liquidato il giusto, ecco che si materializzano niente meno che 30 mila euro, oltre quelli già concessi dallo stesso assessorato, dovendolo dedurre dal “considerato che l’evento è stato cofinanziato dall’Assessorato BB.CC. I.S.” contenuto nella delibera del direttore del Parco.
Chiaro? evento in programma per il 13 luglio; 
9 luglio richiesta contributo; stesso giorno assessorato emette atto d’indirizzo e due giorni dopo il direttore del Parco delibera il contributo: che efficienza!
Abbiamo capito bene? Temiamo di si.
Da segnalare
il “contorno istituzionale” a sostegno di questa iniziativa prodotta da Agnus Dei di Tiziana Rocca e da EvenTao di Michel Curatolo econ la consulenza artistica di Claudio Masenza: Il 12 luglio hanno reso i loro “saluti” Mario Bolognari, Sindaco di Taormina, Urania Papatheu, Senatrice della Repubblica e Mariella Ippolito, Assessore alla Famiglia, Politiche sociali e del lavoro della Regione Siciliana, mentre il 13 sono arrivati Gianfranco Micciché, Presidente dell’ARS e Gaetano Armao, Vice Presidente Regione Sicilia.
Adesso sarà da capire, oltre alle ragioni di questa singolare concessione, come si risponderà alle probabili richieste da parte degli altri impresari che saranno legittimati a pretendere analogo sostegno, magari per eventi di maggior successo di quello dell’associazione Agnus Dei di Tiziana Rocca del quale
si attende la pubblicazione dei dati di vendita dei biglietti: 30 mila euro per tutti?
Fonte:
http://www.sudpress.it/bufera-sul-parco-archeologico-naxos-un-contributo-last-minute-30-mila-euro-ad-unassociazione-privata/