Fondazione Taormina Arte e l'assessore Pappalardo

Schermata 2018-04-29 a 1.37.34 AM

Fondazione Taormina Arte. L’assessore Pappalardo chiarisce: "Concluso, grazie all'impegno della Regione, un lungo iter. Adesso al lavoro con rinnovato slancio". Con l’impegno del governo regionale – in piena sinergia con il Comune di Taormina, il Comune di Messina e la Città Metropolitana di Messina - si è finalmente sbloccato l'annoso nodo che ha bloccato la Fondazione Taormina Arte per svariati anni e si è finalmente accelerato il completamento di un percorso per troppi anni rimasto paralizzato, con ricadute negative per il territorio.

"La soddisfazione di aver sbloccato una vicenda – annuncia l'assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana Sandro Pappalardo – che si trascinava da tanti anni in soli pochi mesi è molto grande. Il governo Musumeci, nell’arco di un tempo limitatissimo, è riuscito a dare un input risolutore per una vicenda atavica e ingessata. Grazie alle interlocuzioni che ho inteso avviare, sin dall'inizio del mio mandato, con il commissario della Fondazione Taormina Arte Di Micieli e tutti i rappresentanti delle istituzioni locali, in particolare con il sindaco di Taormina e con il presidente del consiglio comunale, siamo addivenuti alla conclusione di un lungo percorso che consentirà alla Fondazione di poter operare al meglio per lo sviluppo turistico e culturale del territorio. Con il Presidente della Regione Musumeci, difatti, abbiamo inserito tra le priorità del primo scorcio di governo la definizione dell'iter della Fondazione Taormina Arte e grazie all'imprimatur del consiglio comunale di Taormina si è potuti andare avanti dopo anni di stallo.
Così la Fondazione potrà fruire del palazzo dell'ex Pretura di Taormina e mettere a disposizione il proprio know how nella realizzazione degli eventi previsti per il Teatro Antico, ma anche dare impulso per mettere in campo interventi nell'intero territorio isolano. Basti pensare agli eventi e agli allestimenti messi in campo a Morgantina, nel polo museale di Aidone, nella Villa Romana del Casale o nel teatro romano di Catania.
Ciò ci consentirà di avere uno strumento in più per valorizzare il nostro immenso patrimonio turistico e culturale. Inoltre ho chiesto e apprezzato già la spending review messa in campo dal commissario per una gestione virtuosa e oculata della Fondazione e si è riusciti a risolvere anche l'impasse dovuta al pignoramento del marchio Taormina Film Festival che aveva paralizzato tutte le attività.
Grazie al nostro impegno abbiamo superato due grandi impasse per dare alla Regione Siciliana strumenti e prospettive. Ringrazio il primo cittadino di Taormina e soprattutto il presidente del civico consesso per la concertazione avuta nell'ultimo periodo e per il lavoro di raccordo svolto fondamentale per sbloccare le attività della Fondazione. Un ringraziamento va anche all’intero civico consesso di Taormina che ha deliberato e che si è assunto, con coscienza, le sue responsabilità consentendo di installare un altro tassello fondamentale per il futuro della Fondazione. Adesso continueremo a lavorare con rinnovato slancio".